Caso Studio - Operazione SISO (Secondaria)

CASO STUDIO SEA SHEPHERD
OPERAZIONE SISO
1 / 17
next
Slide 1: Slide
GeographyHistory+4Secondary Education

This lesson contains 17 slides, with interactive quizzes, text slides and 2 videos.

time-iconLesson duration is: 20 min

Introduction

Questo caso studio si collega al programma didattico: pesca illegale, non regolamentata e non segnalata (INN). Si concentra sulla nostra campagna “Operazione SISO” che opera nell’arcipelago delle isole Eolie, in Italia.

Instructions

Questo caso studio si collega al programma didattico: pesca illegale, non regolamentata e non segnalata (INN) 1-3. Si concentra sulla nostra campagna “Operazione SISO” che opera nell’arcipelago delle isole Eolie, in Italia.

Durata per completare questo caso studio: 20 minuti.

Contatti: education@seashepherdglobal.org
© Sea Shepherd 2021


Items in this lesson

CASO STUDIO SEA SHEPHERD
OPERAZIONE SISO

Slide 1 - Slide

Questa lezione è stata programmata da Sea Shepherd. Sea Shepherd è stata fondata nel 1977 ed è un’organizzazione per la salvaguardia e la conservazione dell’ecosistema marino e della fauna che lo abita. Sea Shepherd agisce a livello globale su innumerevoli problematiche legate all’ecosistema oceanico, ed è protagonista ogni anno di numerose campagne di azione diretta. La pesca INN è una delle aree sulle quali sta lavorando Sea Shepherd per aiutare a fermare la pesca illegale. 
Cose che già conosci...
Stai per imparare...
Ora tocca a te!

Valuta le tue conoscenze
Clicca sull'immagine

Guarda il video

Slide 2 - Slide

Durante la lezione useremo queste icone per identificare le azioni di apprendimento.
Operation Siso commenced in 2018.
Working with the government of Italy to tackle IUU in the Aeolian Archipelago.
L'Operazione SISO viene lanciata nel 2018 in collaborazione con il governo italiano per fermare la pesca INN nell'Arcipelago delle Eolie.

Slide 3 - Slide

Operazione Siso.

Proteggere le acque delle Isole Eolie.
Nel settembre del 2018, Sea Shepherd ha lanciato l’operazione Siso in collaborazione con le autorità italiane e con il sostegno del fondo per la conservazione delle Isole Eolie (AIPF) e di Smile Wave in modo da contrastare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN) nell’arcipelago delle Eolie.

Slide 4 - Map

La mappa mostra la posizione l’arcipelago.

Patrolling and removing FAD's and fishing lines.
Pattugliamento e rimozione di FAD e lenze da pesca.

Slide 5 - Slide

Operazione Siso.

Durante la prima campagna nelle Isole Eolie, la nave di Sea Shepherd Sam Simon insieme alla Guardia Costiera di Lipari, l’Agenzia delle Entrate e delle Dogane di Milazzo, e con anche la collaborazione di pescatori locali, ha sequestrato 52 FAD (dispositivi di aggregazione del pesce) e 100 chilometri di corda in polipropilene nel giro di 178 ore. 
In 2019 the target was illegal driftnets.
2019, l'obiettivo sono le reti da posta derivanti illegali.

Slide 6 - Slide

Prendere di mira le reti da posta illegali.

Nel giugno del 2019 Sea Shepherd è tornata nel Mar Mediterraneo prendendo di mira l’uso di reti da posta illegali e altri attrezzi da pesca mortali al largo della costa occidentale italiana.

Il tutto è stato possibile grazie al contributo del fondo per la conservazione delle Isole Eolie (AIPF) e Smile Wave, in collaborazione con i pescatori artigianali di Lipari e Salina.

Tackling plastic pollution caused by fishing gear.
Fermare l'inquinamento da plastica causato dell'attrezzatura da pesca.

Slide 7 - Slide

Affrontare l’inquinamento da plastica.

Sea Shepherd sta anche combattendo l’inquinamento da plastica causato dall attrezzatura da pesca illegale. Questa, infatti, è stata a lungo la principale causa di inquinamento da plastica che distrugge il fondale del Mediterraneo, il suo ecosistema e le sue barriere coralline.

Inoltre, i milioni di bottiglie e serbatoi di plastica abbandonati in mare continuano ad inquinare, e man mano che si deteriorano producono enormi quantità di microplastiche. Una volta che il loro ancoraggio viene tagliato, i FAD diventano trappole mortali fatte di reti e spago galleggianti che intrappolano senza distinzione uccelli marini, tartarughe marine, balene e pesci.

FAD's
Fish Aggregating Devices

Estimated over 10,000 left floating in the South Tyrhenian Sea.

20,000kms of polypropylene twine.




FAD
Fish Aggregating Devices


Oltre 10.000 FAD illegali galleggiano nel Mar Tirreno Meridionale.


20.000 km di lenze in polipropilenee.

Slide 8 - Slide

I FAD.

Il numero stimato di FAD illegali è oltre ogni immaginazione:
10.000 FAD illegali nel Mar Tirreno meridionale, con una stima di 20.000 chilometri di lenza di polipropilene e centinaia di bottiglie e serbatoi di plastica.

Secondo un articolo scientifico pubblicato sul Journal of Environmental Management che combina ricerche effettuate in SIcilia, Malta e Tunisia, circa 1.6 milioni di FAD e 5.4 milioni di bottiglie e serbatoi di plastica sono stati scaricati nel Mar Mediterraneo tra il 1961 e il 2017

(https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0301479719314677?via%3Dihub).
TYPES OF FISHING
FISH AGGREGATING DEVICES (FAD)

These devices are designed to lure fish into an area to make it easier to find and catch fish.  The device can attract multiple species of pelagic fish. 

Two parts - plastic tanks with palm leaves, which are then anchored by a line attached to a lump of concrete or stone.


TIPI DI FAD

Questi dispositivi sono progettati per attirare i pesci in un'area, facilitandone così la ricerca e la cattura.
Il dispositivo può attirare diverse specie di pesci pelagici.

Sono composti da due parti: taniche di plastica con foglie di palma ancorate da una lenza agganciata a un blocco di cemento o di pietra.

Slide 9 - Slide

Gli attrezzi da pesca artigianale conosciuti internazionalmente come Fish Aggregating Devices (FAD), e chiamati dai locali “caponare” o “canizzi”, sono illegali nelle acque delle Isole Eolie.
I FAD sono composti da 2 parti: una parte galleggiante, fatta di serbatoi di plastica e foglie di palma e una parte ancorata al fondale, solitamente costituita da una lunga lenza di polipropilene legata attorno a un peso di cemento o pietre che ancorano saldamente il dispositivo in profondità al fondale.

Il bersaglio di questi dispositivi è principalmente la lampuga (conosciuta come “mahi mahi” negli Stati Uniti e come “capone” in Sicilia), un pesce pelagico che nuota generalmente in grandi banchi attraverso il Mar Tirreno dalla fine dell’estate fino alla fine dell’anno.

Slide 10 - Video

Recupero di FAD e lenze.

Dopo la partenza da Portorosa, in Sicilia, il team ha seguito una rotta che passa attraverso acque note per avere un’alta concentrazione di FAD illegali. Le navi erano dotate di un sistema di verricelli appositamente progettato per recuperare ogni parte dei FAD ancorati in profondità, così da togliere definitivamente dal mare tutte le lenze in polipropilene e i serbatoi di plastica.
Nelle settimane successive di lavoro costante, sono stati recuperati, confiscati e consegnati alla Guardia Costiera di Lipari 77 FAD illegali con 150 chilometri di lenza in polipropilene e centinaia di serbatoi con all’interno residui pericolosi e altamente inquinanti.

Far vedere questo video (2:22 minuti) che mostra l’equipaggio all’opera per rimuovere delle lenze e dei FAD.

https://www.youtube.com/watch?v=lrZ_g3ny0wM

IUU fishing kills millions of species and threats local artisanal fishing.
La pesca INN uccide milioni di specie e danneggia la pesca locale.

Slide 11 - Slide

Pesca INN.

La pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN) uccide illegalmente milioni di specie diverse, rendendo i criminali più ricchi e danneggiando gravemente la pesca artigianale legale.

Slide 12 - Video

Mar Mediterraneo.

Mostra questo video (4:50 minuti) che spiega le specie nel Mar Mediterraneo, la portata della sovrapesca nell’area, la minaccia della pesca INN e la campagna di Sea Shepherd per aiutare a proteggere la zona.

https://www.youtube.com/watch?v=50ypT007Wuo&t=199s


Quali sono le principali minacce per le specie marine nel Mar Mediterraneo?

Slide 13 - Open question

Chiedi agli studenti di rispondere alla seguente domanda utilizzando www.LessonUp.app o discutine in classe.

“Fino a che punto è stata sovrasfruttata la fauna marina nel Mar Mediterraneo?”


Quali sono le principali minacce per la fauna marina nel Mar Mediterraneo?

Slide 14 - Open question

Chiedi agli studenti di rispondere alla seguente domanda utilizzando www.LessonUp.app o discutine in classe.

“Quali sono le principali minacce per la fauna marina nel Mar Mediterraneo?”


Scrivi tre cose che hai imparato.

Slide 15 - Open question

Che cosa hai imparato?

Chiedi agli studenti di rispondere alla seguente domanda aperta utilizzando www.LessonUp.app o discutine in classe.

“Scrivi tre cose che hai imparato."


Scrivi una cosa che non hai capito.

Slide 16 - Open question

Che cosa non hai capito?
 
Chiedi agli studenti di rispondere alla seguente domanda aperta utilizzando www.LessonUp.app o discutine in classe. 

“Scrivi una cosa che non hai capito.

www.seashepherdglobal.org

Slide 17 - Slide

This item has no instructions